venerdì 13 aprile 2012

Uno scuola autentica

Esistono tantissime tipologie di coaching, ma vorrei proporti una classificazione non esaustiva che strizza l'occhio a uno dei miei miti, Clare Graves.

Il coach "esecutore".

I suoi leitmotiv sono:

"guadagnare di più";
"guadagnare con internet";
"diventare ricco";
"essere il migliore";
"essere più bravo, più alto, più bello"...;

Questa tipologia di coach è attratto dalla psicologia come strumento per primeggiare sugli altri e, spesso, afferma che occorre solo "credere in se stessi". 

La mitologia tipica è quella del guerriero, del self made man, l'uomo che si è fatto da solo.

Contraddizioni tipiche?

Quasi mai è soddisfatto. Spesso finge di essere quello che non è; quasi tutta la motivazione che lo sprona ad agire è, per dirla in termini PNL, "via da". Pensa di non "bastare" così come è, e crede che prima o poi, a forza di migliorarsi, starà bene mentre, in realtà, gli sembra che manchi sempre un "pezzo".

Il tipico corso in cui lo trovi?

Quello dove ti insegnano il pensiero positivo, i corsi di "motivazione", sul forex e di PNL "tecnica" (ossia quella che ti insegna che, qualsiasi cosa capiti, devi fare l'esercizietto delle "submodalità" o applicare il "metamodello"... a  cavolo). Della serie "noi siamo i migliori, voi non siete nessuno".

Il coach "comunitario"

I suoi leitmotiv sono:

"vincere il proprio ego"
"affidarsi all'amore universale"
"vogliamoci bene"
"tutto è energia"

é attratto dalla psiche come strumento per  aiutare gli altri e cambiare il mondo.

La mitologia tipica è quella del Budda, del "guerriero di luce", del santo, dell'uomo che trascende se stesso e
del guaritore.

Contraddizioni tipiche?

Quasi mai è in grado di essere o fare ciò che professa e, prima o poi, impara che il mondo non si cambia così...

...e che fare coaching per aiutare gli altri... non è di aiuto agli altri.

Il tipico corso in cui lo trovi?

Quello dove insegnano a purificare i chakra, mentre l'energia kundalini discende e si risveglia la "coscienza 
cristica" (o cose di questo tipo, insomma) ma anche corsi di EFT e pratiche di medicina energetica o autoguarigione.

Personalmente sono stato sia l'uno che l'altro tipo di coach.

Qualche anno fa le cose sono cambiate e chi faceva ancora parte di uno di questi due gruppi pensava che fossi "impazzito" :)

L'intero sito vivere di coaching è organizzato intorno ad idee completamente diverse...

Chi sei?

Cos'è che mentre lo fai ti fa sentire
vivo?

Come puoi accettare totalmente chi
sei (l'idea di miglioramento personale,
da sola, genera l'effetto opposto)?

Come puoi funzionare al meglio proprio
perché sei te stesso?

"Cosa vuoi" che rifletta puramente chi sei,
libero da stereotipi?

Qual è il tuo talento?

Quale eredità vuoi lasciare?

Come puoi vivere in relazione alle
altre persone, rimanendo te stesso al 100%?

Quale stile di vita ti consente di essere così
e come puoi generarlo?

Soprattutto, come puoi superare le idee TENSIVE dei paradigmi precedenti (come: "voglio essere il  migliore" o "il mondo così com'è non va bene e va cambiato")?

Questo paradigma si chiama "autentico" ed è  questo quello che offro.

Se stai ancora cercando il "denaro, successo e potere" o se stai cercando "amore, consapevolezza e amicizia" mi dispiace, io offro solo la possibilità di allineare "chi sei" e "cosa fai" per ottenere quello che vuoi, con la profonda consapevolezza di vivere la vita perfetta per te.

E spesso, denaro, successo o amore sono effetti collaterali di questo modo di essere.

Un abbraccio da Marco.


Marco De Filippo








Nessun commento:

Posta un commento