mercoledì 1 febbraio 2012

Coaching strategico: perché lo utilizzo?

La definizione di coaching strategico presuppone la conoscenza del significato del lemma “strategia”.

La strategia è la descrizione di un piano d’azione volto al raggiungimento di un obiettivo a lungo termine.

Per sua natura la strategia non si occupa dei dettagli, ma di grandi pezzi d’informazione.

Ti faccio un esempio eloquente: lo sbarco in Normandia e il conseguente posizionamento delle truppe americane nella seconda guerra mondiale, fu una scelta strategica.

Come affrontare i tedeschi ad Omaha Beach aveva più a che vedere con la tattica, mentre l’equipaggiamento ed il suo utilizzo aveva più a che vedere con la tecnica.

Molte persone quando impostano un piano d’azione per il raggiungimento di un obiettivo a breve termine, si concentrano sulla tattica e sulla tecnica, cancellando le informazioni relative al piano d’azione globale e generando così degli scompensi.

Ti faccio un esempio.

Mi capita spessissimo di lavorare con persone che faticano sia ad identificare cosa vogliono, sia a vivere questo desiderio ad un livello emozionale (in modo che il desiderio stesso funga da carburante motivazionale), ed infine, a sottomettere le decisioni di ogni giorno (ad esempio, cercare un lavoro ) ad una direzione a lungo termine (ad esempio, mettere da parte il denaro per vivere di coaching).

Inoltre le decisioni che molte persone prendono in un’area della propria vita, scompensano quelle relative ad un’altra area.

Nel mentoring che svolgo con gli aspiranti coach professionisti, questi scompensi si verificano molto spesso ed infatti, secondo me, non puoi diventare coach senza un piano d'azione a lungo termine (e ne parlerò in "professione coach").

Ecco perché la chiarezza rappresenta, dal mio punto di vista, la conditio sine qua non per poter operare con efficacia: il mio coaching ed il mentoring lavorano moltissimo sulla strategia.

Limitarsi alle risoluzione di problemi immediati, senza una strategia che ne motivi la risoluzione stessa, non ha alcun senso.

Purtroppo invece, a volte, ci riscopriamo a fare degli sforzi inutili quando, in realtà, basterebbe cambiare la nostra posizione (spaziale, temporale, psicofisica...), per ottenere immediatamente maggiori risultati.

Il mio consiglio di oggi è proprio questo: semplificati la vita.

Se, metaforicamente, il luogo dove ti trovi non ti supporta, puoi sempre andare altrove.


Marco De Filippo






Nessun commento:

Posta un commento