mercoledì 16 novembre 2011

Coaching: il prodotto perfetto attirerà i clienti?

Nel campo della consulenza, i neofiti, attuano spesso un'equivalenza complessa  fra il livello di eccellenza del servizio o del prodotto che propongono e il numero di clienti che riusciranno ad acquisire.

A partire da questa convinzione, chi è agli inizi, prende decisioni che non sempre si rivelano efficaci; 

...un esempio? 

Spendere molto denaro per arredare il proprio studio aspettandosi che quest'ultimo si trasformi in una specie di magnete attira clienti. 

Dar vita a un contesto accogliente, che valorizzi ciò che facciamo è certamente utile, ma, soprattutto all'inizio, non è essenziale (conosco molti coach che lavorano nei bar, a casa propria o del cliente, in uno  studiolo di 20 metri quadri o nelle lounge degli alberghi).

Mi spiego meglio.

Conosci qualcuno che ritieni essere meno abile o competente di te ma che possiede un pacchetto clienti molto superiore al tuo?

Può farci arrabbiare, può dare fastidio ma la realtà dei fatti è che l'eccellenza o la scarsità della nostra prestazione la decide il cliente, e lo fa a partire dalla relazione che abbiamo avuto con lui ancor prima che si avvalesse della nostra consulenza.

Almeno all'inizio, il 99% è relazione e 1% è prodotto. 

Solo quando hai raggiunto la massa critica la tua bravura attirerà nuovi clienti: apportando benefici alle altre persone e facendo leva su uno dei bisogni che gli esseri umani hanno, quello di condividere le proprie esperienze, attirerai nuovi clienti attraverso quelli che hai già, attraverso le presentazioni dei tuoi corsi o attraverso il materiale gratuito (o a pagamento) che hai distribuito. 

Le persone che "ci sanno fare" possono fondamentalmente proporre qualsiasi cosa: se l'esperienza per il cliente è magica, questa è eccellenza. 

Ricorda che:

1. spesso le persone non sono EDUCATE a percepire il tuo valore (educarle è compito tuo),

2. fino a quando non sono davanti a te, nel tuo studio o sul tuo sito, la tua competenza sarà invisibile.

In definitiva: non pensare a come "iniziare alla grande", pensa semplicemente a come fare le tue prime 20 ore, il prima possibile.

Marco De Filippo








Nessun commento:

Posta un commento