venerdì 30 settembre 2011

Idea 2: Diventare mediatore e conciliatore civile

Non è una vera e propria consulenza, coaching o formazione ma, trattandosi di una professione parzialmente affine, ho deciso di toccare comunque l'argomento: parlo del mediatore e conciliatore civile.

Semplificando:

Da qualche mese, allineandosi alle direttive europee, anche l'italia ha ufficializzato la figura del mediatore e conciliatore civile.

Cosa fa il mediatore? Media :)

Fondamentalmente si occupa di mettere d'accordo le controparti (prima che lo faccia il tribunale) trovando un'opzione che garantisca un vantaggio ad entrambe, aldilà del concetto, spesso vetusto del "se ho ragione io ha torto lui".

Per diventare mediatore ti serve:

Una qualsiasi laurea triennale (o più) o l'iscrizione a un'albo professionale, ed un corso di una cinquantina di ore da svolgere in due week end, con un piccolo esame finale.

Aldilà delle norme, delle leggi e dell'etica professionale, nel corso insegnano l'arte della negoziazione (credo stile Harward, quello che insegno ai miei clienti per gestire le diatribe lavorative, se ti interessa impararlo contattami qui: marco.dfl@tiscali.it).

Sebbene si tratti di una professione nuova e quindi la normativa potrebbe cambiare in futuro, per ora, esiste un organo competente il cui compito è proprio quello di assegnare ad ogni mediatore le cause che mano mano si presentano.

La mediazione è obbligatoria per tutte le cause civili fino a 5 milioni di euro, ma non in tutti i settori.

In definitiva, se ti piace negoziare, hai buone abilità dialettiche, vorresti che qualcuno si occupasse di trovarti i clienti ma sei pronto a prenderti la responsabilità del risultato, sai mantenere il silenzio e rispettare la privacy, puoi spendere 3-4000 euro, e hai già altre fonti di reddito (per ovvie ragioni), questo lavoro può fare al caso tuo.

Se invece vuoi iniziare a lavorare con le tue passioni e con una spesa di gran lunga inferiore, diventando coach, trainer o formatore... puoi seguirmi qui


Marco De Filippo











Nessun commento:

Posta un commento