giovedì 28 luglio 2011

Corsi, coaching e prodotti: verso l'elite.

20 anni fa, quando ho iniziato a praticare arti marziali, ero così appassionato da collezionare volantini sui corsi che si tenevano nella mia zona, al solo scopo di saperne di più.

Oggi, con internet, le informazioni che desideriamo sono immediatamente disponibili e, anche per questo, i potenziali clienti sono molto meno ricettivi alla pubblicità di quando ero bambino.

Quando esci dal cinema, quanto del materiale pubblicitario apparso sullo schermo cinematografico è rimasto impresso nella tua memoria? L'inconscio registra tutto, ma riesci ad "accedere" a quei ricordi?

Il processo, 20 anni fa era più semplice: dalla pubblicità al cliente.

Oggi, se sei un coach o aspirante tale, devi impostare un processo di acquisizione clienti che sia strutturato secondo una logica che va dall'anonimato del tuo cliente, fino alla relazione di amicizia.

Il tipico errore è quello di avere una mailing list di 200 o 1000 persone, e pensare che questa possa fruttare del denaro, da sola.

Cosa sai dei tuoi clienti? Quale relazione hai instaurato con loro? Come puoi strutturare il processo necessario ad amplificare questo tipo di relazione?

Dal corso gratis, al corso a pagamento, al coaching, al prodotto?

Dal prodotto gratis, al prodotto al pagamento, al corso, al coaching?

Dal prodotto gratis, al coaching, al corso?

E all'interno di questo processo, cosa c'?

Informazioni di qualità, promozioni, questionari?

Qualsiasi idea la cui logica sottostante sia: "amplificare la relazione con il mio cliente" , prima o poi ti porterà ad un risultato positivo.

Voglio condividere con te un piccolo segreto:

Ogni coach ha il proprio "gruppo d'elite" su cui può fare totale affidamento.

1-10 o 20 persone che acquistano tutti i suoi prodotti, partecipano a tutti suoi corsi: sono i suoi fan.

Struttura il tuo marketing in modo tale da creare un gruppo di amici, che condividono fra di loro la passione per il tuo materiale.

Questo è uno dei primi passi.

Un abbraccio, Marco.

Marco De Filippo







Nessun commento:

Posta un commento