mercoledì 20 ottobre 2010

Coda lunga e vivere di coaching

Nel 2004, Chris Anderson pubblicò su "Wired Magazine" un articolo intitolato “The long tail” dove illustrava il principio "della coda lunga dei mercati", per poi pubblicare il libro "La Coda Lunga. Da un mercato di massa a una massa di mercati".

Premessa: sulla coda lunga si è detto di tutto e di più e siccome per me il marketing non è solo statistica, dal mio punto di vista il concetto va prima di tutto CONTESTUALIZZATO.

Semplificando: circolano più soldi nella somma delle "aree di nicchia" (coda lunga) che in quelle di maggior rilievo ("testa"); all'aumentare della specificità ci si sposta verso le "piccole nicchie di mercato".

Una semplice progressione dal "generale" allo "specifico" potrebbe essere: settore degli "appassionati di automobili" -> "appassionati di automobili sportive" -> "appassionati di Ferrari" -> "appassionati di Ferrari F50"... ecc.

Prendiamo il caso dell'internet marketing: statisticamente circola quindi più denaro nel totale delle piccole nicchie che riflettono "keywords" come "coaching dermatite", "coaching dimagrire", "coaching diventare supereroi" (qualcuno cerca anche questo! :) )... che nella gigantesca fetta di mercato che riflette la parola chiave "coaching".

Attenzione: questo non significa che trovando la tua nicchia guadagnerai più di quanto fa attualmente un coach famoso (si parla della SOMMA delle singole nicchie di mercato, attenzione!), semplicemente diventa molto, molto più facile "decollare".

La "testa" infatti, è spesso un'enorme fetta caratterizzata anche da un gran numero di curiosi o da persone che sanno già chi cercare; la coda lunga è una piccola fetta selezionata, estremamente specifica e caratterizzata da persone realmente interessate ad acquistare il prodotto o il servizio che cercano e, spesso, non hanno ancora trovato.

Più ci si sposta verso una piccola nicchia di mercato più si diventa visibili agli occhi degli interessati ed è possibile proporre i propri servizi a prezzi elevati, sebbene -a prima vista- possa diventare più difficile trovare clienti (anche questa è una leggenda se sai dove andare a cercarli!).

Il mio programma di acquisizione clienti lavora sulla "coda lunga", aiutandoti a diventare visibile in una piccola nicchia di mercato con determinate caratteristiche: per sua natura, il coaching è perfetto per questo genere di marketing.



Il primo effetto della specializzazione è quello di poter essere facilmente percepiti come esperti del settore; il secondo effetto è che la concorrenza si riduce moltissimo fino a scomparire ed infine aumenta drasticamente la probabilità di "conversione" (chiusura): ecco perchè, come accennato nel post precedente, intitolato "acquisire clienti e coaching: dove miri", il mio programma punta a farti raggiungere persone che già ti stanno già cercando... e queste persone si trovano nelle piccole nicchie di mercato!

Inizia a liberarti della necessità di rappresentare lo stereotipo del "coach che sa fare tutto": ti espanderai in altre nicchie di mercato o verso la "testa" solo dopo che sarai davvero riconosciuto come esperto in una di esse. 

Un abbraccio, Marco De Filippo




Ps.
Non è detto che il concetto della "coda lunga" sia sufficiente per "vivere di coaching": infatti è solo uno dei molti principi, primi fra tutti reputazione ed il passaparola! Usa questo concetto nel modo giusto, contestualizzandolo.





Nessun commento:

Posta un commento